Era da un pò che mi chiedevo perchè la data del 23 maggio avesse una particolare importanza nella mia mente. Poi sia leggendo dei post su Facebook, sia vedendo le (sempre più rare) commemorazioni in TV, mi sono ricordato.

Oggi è il 18° anniversario della Strage di Capaci, nella quale il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro persero la vita in un attentato mafioso con probabili partecipazioni politiche-istituzionali di ieri e di oggi, di cui ancora oggi non ci è dato sapere tutto.

Spazzato via l’oblìo dalla mia mente, riappare il ricordo di quel caldo pomeriggio di un weekend di maggio (era sabato o domenica) a casa dei nonni a vedere alla televisione quelle immagini di distruzione finora sempre associate ai film e che la mia mente di bambino di 7 anni faticava a considerare come realtà, dopo tutto a quella età la realtà è ancora un concetto non ben definito.

Oggi che mi sono reso conto di essermi dimenticato di una tale ricorrenza, mi sento un pò sconsolato … e ormai ho capito da tempo che questa è (anche) la realtà.

Vale la pena ripubblicare questo video-documentario con Alexander Stille

Annunci