L’appuntamento che ogni anno chiude definitivamente l’estate di Pimonte e riunisce i pimontesi quasi come a Natale è finalmente arrivato : la processione di San Michele !

Quest’anno abbiamo assistito anche al “miracolo di San Michele” : le nuvole minacciose presenti fin dal mattino si sono diradate lasciando il posto nel cielo ad un sole radioso, non appena la statua del Santo è apparsa nelle vie paesane

Una processione cominciata tra una altalenante pioggerellina, scomparsa poi per intervento ultraterreno del miracolo sopra citato, e tra le (solite) chiacchiere (troppo) incessanti dei partecipanti, scomparse poi per intervento più terreno e più umano della voce amplificata del prete della Piazza, Don Gennaro.

La situazione, arrivati al cimitero per il saluto dei Santi, si era leggermente distesa …

La processione è poi proseguita fino alle Franche di fronte alla Chiesa di San Sebastiano

… dove alla presenza della statua esposta del Santo, Don Gennaro della Piazza (a sinistra) e Don Vincenzo delle Franche (a destra) hanno tenuto un discorso sullo stato precario degli edifici ecclesiastici pimontesi rimasti e sulla indifferenza dei fedeli

Facendo il giro per la parte più alta e boschiva del paese che adoro e disprezzo per vari motivi, la processione si è poi spostata verso la parte più bassa del paese (Tralìa) che adoro e disprezzo sempre per altri vari motivi, in particolare perchè offre uno dei migliori panorami verso il mare e verso il Vesuvio.

Fa tutto parte di un rapporto odio-amore che ho col mio paese …

E questa non è la stessa foto dell’anno scorso, è lo stesso soltanto il luogo …

Dopo un altro lungo giro per le strette vie del paese sotto un sole divenuto ormai cocente e dopo tanti botti seguiti da applausi e chiacchiere, la processione sta per terminare … siamo in piedi dalle 07,00 e ormai sono quasi le 15,00

Dopo un lungo applauso, tra baci e abbracci, le statue vengono riportate nel loro ricovero nella Chiesa di San Michele, dove nel tardo pomeriggio prima della rituale deposizione di fiori sul monumento ai caduti di Pimonte con ultima esposizione della statua del Santo, verrà presentato il progetto di restauro dell’antica Chiesa

Una volta esposta in Piazza la statua del Santo per l’omaggio floreale ai caduti di Pimonte, sembrerebbe tutto finito come ogni anno a parte i festeggiamenti civili con spettacoli musicali serali (questa sera c’è in programma un concerto di musica classica), ma quest’anno ci sarebbe stata una gradita quanto inaspettata sorpresa klandestina

Metti un amico promotore di una lettera aperta, “armato” di tammorra, con degli amici in trasferta “armati” di castagnelle e voglia di ballare, degli anziani dall’aria taciturna (ma non troppo dopo un buon bicchiere di vino), un altro pò di vino per schiarire la voce e un pò di spazio libero … e parte l’improvvisata ! Tutto per caso …

Bellissimo modo per concludere diversamente e in tradizione il giorno San Michele 😀 !

Annunci