Questa è la risposta di Di Pietro sul Fatto Quotidiano in aggiunta a ciò che ha detto ieri.

Intanto la situazione a Napoli continua ad essere critica

La nuova amministrazione comunale cerca come può di limitare i danni

http://www.greenme.it/informarsi/rifiuti-e-riciclaggio/5263-emergenza-rfiuti-napoli-de-magistris

Sicuramente oltre ad una raccolta efficiente, occorrono impianti di compostaggio e di raccolta differenziata (a scanso di discariche e inceneritori, ma su questo ce ne sarebbe da discutere), anche idee del genere andrebbero (e andavano) considerate …

Intanto, pur non ricevendo lo stesso risalto mediatico di quelli che rovesciano i cassonetti sperando (inutilmente e in modo controproducente) di ricevere attenzione, alcuni cittadini napoletani hanno cominciato (a differenza di altri) a muoversi in maniera positiva e autonoma e in un altro caso a tentare di diffondere una giusta mentalità

Oggi ci sarebbe dovuto essere un incontro tra Comune e associazioni ambientaliste

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/campania/2011/06/comune-napoli-incontro.html

Sperando che sarà andato meglio di quello di martedì scorso …

http://www.napoliurbanblog.com/riunione-con-i-comitati-cittadini-per-l%E2%80%99-emergenza-rifiuti-l%E2%80%99-assenza-di-sodano-genera-un-flop/6052

Anche a Castellammare, la situazione non è migliore …

http://www.stabiachannel.it/news/index.asp?idnews=24598

… anche dal punto di vista ambientale, come sempre … purtroppo … 😥

Meglio cambiare argomento, magari con un possibile esempio virtuoso applicabile in campo energetico che parte da Roma …

http://www.bioecogeo.com/2011/06/23/dal-comune-roma-un-esempio-di-come-utilizzare-il-fotovoltaico.html

… e pensare ad un ipotetico futuro che arriva dall’Università di Stanford …

http://www.greenme.it/informarsi/energie-rinnovabili/5258-produrre-idrogeno-con-lenergia-solare

… anche se aggiornamenti a parte, non mi sembra una cosa tanto nuova …

… e infine, cosa c’entrano i fagioli di Acerra nel titolo ?

Avendo parlato di rifiuti è (purtroppo) facile ricollegare il nome della città vesuviana all’inceneritore (che guarda caso in questi giorni ha interrotto le attività), che ancora in molti si ostinano a chiamare “termovalorizzatore”, una parola vuota e priva di senso dal significato distorto e disinformativo, ma non è questo il legame …

Qualche goliardico potrebbe associarli alla produzione di idrogeno e altri gas come metano, azoto e anidride carbonica ;-), ma neanche questo è il legame :mrgreen:

Ebbene, dando una immagine positiva ad una città troppo spesso citata per i guai, i fagioli di Acerra hanno ottenuto il giusto riconoscimento divenendo presidio Slow Food

http://www.campaniasuweb.it/story/il-fagiolo-%E2%80%9Cdente-di-morto%E2%80%9D-nuovo-presidio-slow-food

http://www.lucianopignataro.it/a/acerra-na-28-giugno-presentazione-del-nuovo-presidio-slow-food-fagiolo-cannellino-dente-di-morto-di-acerra/26438/

Queste sono le (belle) notizie che raramente sentirete in un telegiornale 😀 …

Annunci