Tornare ieri da Napoli a Pimonte, passando per Castellammare e vedere le strade (soprattutto i marciapiedi) stabiesi intasati di rifiuti indifferenziati è stato una pugnalata al cuore.

In serata sono tornato a Castellammare e sono andato alla mobilitazione alla ex-fabbrica Aranciata Faito, che nelle intenzioni del sindaco Luigi Bobbio dovrebbe essere il prossimo sito di stoccaggio temporaneo (?!) dei rifiuti stabiesi, guardate anche il video …

… sono rimasto là alcune ore ad osservare ed ascoltare, con amici del meetup stabiese, lo svolgimento del presidio.

Questo è il gruppo di discussione http://www.facebook.com/groups/140984515975613

Ma a parte qualche alzata di voce e il chiasso dei bambini, la serata è stata tranquilla, almeno per il tempo in cui sono stato là …

Innanzitutto gli stabilimenti, come avrete letto, sotto sequestro, sono pieni di amianto presente nelle strutture degli edifici e nei depositi illegali assieme ad altri rifiuti.

Nelle motivazioni sulla scelta del sito, il sindaco Bobbio dichiara :

“Quando siamo entrati nella struttura abbiamo trovato una situazione cui non eravamo preparati e di cui non sapevamo nulla”, ha aggiunto Bobbio. “Non credo, però, che i residenti ignorassero il fatto che all’interno dell’ex impianto di imbottigliamento si trovasse un deposito di rifiuti speciali; allora mi chiedo: perché questi cittadini che sapevano, ma non denunciavano, oggi scendono in strada per impedire all’Amministrazione di parcheggiare, per la prima volta in tutta sicurezza, i rifiuti?”

A cui aggiunge :

“Ad ogni buon conto, abbiamo denunciato la vicenda alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata e provvederemo, prestissimo, a bonificare l’intera area in danno della curatela fallimentare che ha in affidamento la struttura. E posso assicurare tutti che il sito dell’Aranciata Faito sarà trattato secondo modalità di massima sicurezza igienico-sanitaria: fondo impermeabilizzato, canaline di scarico per l’eventuale raccolta del percolato, e cassoni a tenuta coperti da teloni e trattati con enzimi inibitori e deodoranti per impedire miasmi”
A queste dichiarazioni è seguita la mobilitazione degli abitanti della zona e la formazione del presidio, in quanto come avrete intuito o come saprà chi conosce la zona :
  1. La zona degli stabilimenti dismessi è circondata da palazzi e case popolari densamente abitate da famiglie precarie e di basso reddito.
  2. Sito di stoccaggio o no, la zona è già in una grave situazione ambientale per i cumuli di rifiuti di diversa origine che da anni giaciono negli angoli e ai lati delle strade a cui si sono aggiunti i cumuli di rifiuti “ordinari” odierni.
  3. Tra gli abitanti della zona c’è stato, durante le ultime elezioni comunali, un gran voto di scambio (più o meno inconsapevole dai “beneficiari” di tale pratica) che è stato visto, dopo i recenti avvenimenti, come un tradimento della propria fiducia e una presa in giro. Emblematica la frase che ho ascoltato, detta da un abitante del posto in un momento di sfogo a dei conoscenti : “Co chell ca vonn fà mò, chelle cinquanta euro ca me rettero a passat, mò ce chiavass ‘n facc !” (Con quello che vogliono fare adesso, quelle cinquanto euro che mi hanno dato l’altra volta, adesso gliele schiafferei in faccia !)
  4. La promessa di una buona gestione controllata del sito con tutti i provvedimenti necessari alla bonifica è soltanto un’altra delle tante promesse mai mantenute fatte da amministratori locali precedenti.
  5. Non esiste un servizio di raccolta differenziata capillare ed efficiente con una adeguata informazione e un’apposita fornitura di strutture (bidoni e campane).
La soluzione non è facile, non invidio per niente cittadini e amministratori stabiesi.
Il giorno dopo, sabato, cioè oggi, sono ridisceso a Castellammare e ho di nuovo notato la stessa deludente e frustrante situazione :
Dove presenti, in qualsiasi orario della giornata, le campane e i bidoni per la raccolta differenziata, sono per la maggior parte quasi sempre vuoti.
E ironìa della sorte, sono sempre vicini a cumuli di rifiuti totalmente indifferenziati :-(.
Annunci