Era da tanto che volevo togliermi lo sfizio … e me lo sono tolto !

Partito alle 8, in un’ora ho superato il traforo di Agerola, ho attraversato il paese fermandomi a Bomerano per rifornimento idrico e poi mi sono diretto verso il tortuoso serpentone stradale che porta ad Amalfi e ai paesi della Costiera, tutta in discesa ma con la consapevolezza che quella discesa sarebbe diventata salita al ritorno …

Lo ammetto, ho anche allungato di 1 km per andare a vedere Atrani dopo l’alluvione di settembre e la situazione sembrava ritornata normale, almeno sulla spiaggia.

Ritornato ad Amalfi, subito verso il Duomo a bere alla fontana di Sant’Andrea, a scattare qualche foto, ad ammirare la piazza e fare il turista.

Ma con un imperdonabile mancanza : Nè un gelato nè qualcosa da mangiare !

Sono arrivato a Furore quasi del tutto svuotato e le ultime energìe le ho spese per arrivare ad Agerola. Una volta al traforo, sarebbe ricominciata la discesa fino casa.

Tra un paio di soste (e pisolini) su un paio di panchine e un sorso d’acqua, ho trovato il bar SPQR aperto dove ho fatto rifornimento … erano le 14:30 (pensavo che fosse appena mezzogiorno-l’una) ed ero spaventosamente in ritardo sulla tabella di marcia :

Considerata la discesa dal traforo fino Amalfi che tolta la sosta a Bomerano, avevo fatto in un’ora e mezza e considerando che sono ripartito da Amalfi alle 10:30, ero riuscito a fare il tragitto inverso e quindi in salita (varie soste permettendo) in 4 ore e mezzo !

Dalla gallerìa (in pendenza verso il basso sul versante AgerolaPimonte) a casa, grazie anche alla discesa, ho impiegato  mezz’ora per ritornare stanco e salvo : Che faticata !

Pensa se arrivavo fino a Minori/Maiori … (Quando) Sarei ritornato a casa ?!

Annunci