Stay hungry, stay foolish ! (Siate affamati/curiosi, siate folli !)

 

Steve Jobs è stato definito in tanti modi : genio, uomo d’affari, visionario, pazzo, stratega, leader, tiranno, sognatore, innovatore, guru, tentatore, astuto, audace.

Per tutti è stato l’uomo Apple, capace di fondare, innovare e rinnovare un’azienda nota per gli Iphone, Ipod, Ipad e Mac diffusi nel mondo. Quicktime e Itunes compresi.

Anche Beppe Grillo (utilizzatore di un Iphone) lo ha ricordato in questo articolo.

Come naturalmente altri blog e testate giornalistiche :

http://www.byoblu.com/post/2011/10/06/Luomo-che-amava-il-futuro.aspx

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/06/addio-al-fondatore-di-apple-steve-jobs-il-cordoglio-di-obama-grande-innovatore-e-visionario/162487/

http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=165473

http://tv.repubblica.it/dossier/morte-steve-jobs/addio-a-steve-jobs-l-uomo-che-visse-tre-volte/62512/61219

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/siate-curiosi-siate-folli/1463668

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/perche-jobs-era-un-genio/2072428

http://www.corriere.it/esteri/11_ottobre_06/morte-jobs_df692836-efbd-11e0-a7cb-38398ded3a54.shtml

http://www.giornalettismo.com/archives/155133/muore-steve-jobs-mentre-litalia-dorme/

http://www.tecnocino.it/articolo/steve-jobs-e-morto-addio-al-genio-di-apple/33255/

Due giorni fa erano state presentate le ultime novità

Una storia americana di capitalismo, innovazione e passione.

Un pezzo di storia informatica, tecnologica e sociale.

Proprio mentre in Italia si discute, almeno sul web, della libertà di Wikipedia, che attualmente è in una fase di stasi con le pagine che sono tornate disponibili. 😐

Una situazione che mi ricorda il 6 luglio scorso … chi va avanti e chi va indietro.

Questa sera ritorna AnnoZero, l’ultima puntata della stagione e sicuramente di Santoro … consiglio sempre la visione in diretta streaming sul sito http://www.rai.tv/

Domani pomeriggio riunione al Vomero del MoVimento 5 Stelle con il neo-eletto consigliere municipale Mariano Peluso.

https://www.facebook.com/event.php?eid=211872425522977

Questo video è parte della riunione col MoVimento 5 Stelle di Salerno lo scorso 16 giugno

Prima della pausa estiva, Fring, ad un anno dall’arrivo su Ipad

http://blog.fring.com/italy/?p=1155

http://blog.fring.com/en/?p=2166

… ha lanciato ieri la videochiamata di gruppo sul tablet Apple

http://blog.fring.com/en/?p=3037

http://www.blogvoip.it/post/1281/fring-su-ipad-con-la-videochat-di-gruppo

Tutto questo a due settimane dall’arrivo del nuovo servizio su Android

http://blog.fring.com/en/?p=3018

Il nuovo passatempo dell’estate ? Non credo … tranne per il Papa … forse …

… se magari la sera volesse fare una telefonata al Dalai Lama (di nascosto ai cinesi) … forse farebbe prima ad organizzare una visita ufficiale o a chiamare il Principale lassù, tanto in Cina bloccherebbero l’accesso ad Internet, mica come si fa in Olanda …

http://tech.fanpage.it/lolanda-e-il-primo-paese-europeo-che-sceglie-la-net-neutrality-quale-sara-il-prossimo/

Aggiungo un ironico intervento di Richard Stallman sull’edizione italiana di Wired

http://daily.wired.it/news/tech/2011/06/28/wireless-stallman.html

E a grande richiesta, sta per ritornare marìa !

Non proprio quella ecclesiastica ma quella botanica … l’essenza nota come Canapa-Cannabis

http://www.net1news.org/coltivare-marijuana-si-pu%C3%B2-lo-dice-la-cassazione.html

http://www.lettera43.it/attualita/19751/lecito-coltivare-una-pianta-di-marijuana.htm

http://www.jugo.it/costume/coltivare-pianta-marijuana-balcone-23194/

http://www.giornalettismo.com/archives/131364/la-cassazione-si-puo-coltivare-marijuana/

http://www.ilquotidianoitaliano.it/gallerie/2011/06/news/cassazione-coltivare-marijuana-in-casa-non-e-reato-97595.html/

http://www.fanpage.it/la-marijuana-si-puo-coltivare-in-giardino-lo-dice-la-cassazione/

Per i non napoletanofoni, pariamento significa divertimento 😀 …

Tanta allegrìa oggi (e ieri) in via Scarlatti al Vomero per il gazebo del MoVimento.

E anche tanto sole, l’ideale per sperimentare una soluzione di Giuseppe Rondelli.

Un pannello solare autocostruito con un accumulatore che fornisce energìa ad un netbook Windows 7 con questo software Connectify, una chiavetta Internet ed ecco l’hotspot WiFi ad energìa solare ! E io ne ho approfittato con l’E61i 😀 !

Questo è uno dei punti del MoVimento 5 Stelle e tutto questo può essere realizzato in qualsiasi piazza pubblica, al Vomero e in tutta Napoli così come in qualsiasi altra città. Una soluzione in commercio come questa esiste già !

Internet e l’accesso alla rete e quindi all’informazione sono un diritto !

Connectify è un programma gratuito per Windows 7 e Android in grado di rendere, senza modifiche hardware, un portatile in un hotspot portatile convertendo il segnale Internet proveniente da un cavo Ethernet, una chiavetta Internet o anche da un’altra rete WiFi in un segnale WiFi liberamente configurabile con o senza password di accesso …

… più o meno come JoikuSpot fa con gli smartphone Symbian …

… ci vorrebbero delle versioni anche per gli altri Windows, Linux e MacOS

Terminato l’uso (e l’abuso) del mio latinorum, parto con l’inglese :

Serendipity (Serendipità)

Nella sede della Misericordia di Pimonte ho trovato una foto che riprendeva anche il balcone sulla cui ringhiera era installata la mia (ancora) compianta antenna Hiperlan.

Adesso pare che si possa impostare e controllare anche con un Iphone o con un Ipad

Quanti ricordi, quanti dispiaceri, quante gioie e dolori … ne sento ancora la mancanza …

https://albertog1984.wordpress.com/hiperlan-meginet/

E a quanto saputo a Natale, non potrò installare nemmeno la Fonera di mio zio 😦 …

Intanto a Castellammare, FON esiste … questa sera ne ho avuto la prova !

Spero che il nuovo anno porterà qualche interessante novità … a parte questa qua !


A inizio settimana FON ha presentato il nuovo portale mondiale dove trovare la nuova Fonera SIMPL insieme alla Fonera 2.0N e alla Fontenna, in cui sin dalla prima occhiata nel video qui sotto al Mobile World Congress 2010 ho notato una omologazione grafica del prodotto, forse una ricerca di stabilità … vedendola sul wiki la Fonera SIMPL non ha quel colore che la rendeva esteticamente attraente … un pò di arancione FON ci voleva !

Martin Varsavsky l’ha presentata sabato scorso sul suo blog in inglese e in spagnolo dopo averne dato qualche assaggio in anteprima in questo articolo e in questi tre video

Come è comprensibile dagli articoli di Varsavsky, lo scopo principale di questo prodotto è puntare verso il crescente settore degli smartphone, come dimostra anche la sezione download del portale, con gestori di connessione dedicati alle diverse piattaforme mobili (Android, Iphone, Symbian, Windows Mobile) e fisse (Windows e MacOs X, e Linux ?!).

Mi sono accorto che nell’ultimo mese ho pubblicato soprattutto articoli pieni di video … questa volta cercherò di mantenermi sul testuale, la consultazione sarà un pò pallosa, ma se a qualcuno interesseranno gli argomenti, non sarà un grosso problema … 😉

Primo aggiornamento :

Nelle statistiche del blog risulta che alcuni visitatori (campani, capirete poi il motivo) nei giorni scorsi hanno consultato il blog alla ricerca delle impostazioni di configurazione della rete WiFi UniNa della Federico II per portatili Windows, Linux e Mac e (soprattutto) per cellulari (o smartphone) Symbian, per la maggior parte, e Windows Mobile mentre per Android e Apple (Iphone & Ipod) di cui non avevo scritto niente, nessuna ricerca …

Partendo dalla home page e attraverso la funzione di ricerca o se si è bravi e fortunati attraverso i motori di ricerca, si arriva a questo articolo di (ormai) più di un anno fa :

https://albertog1984.wordpress.com/2009/10/28/pensieri-da-blogger/

Alcuni collegamenti per le impostazioni non erano raggiungibili perciò li ho aggiornati … li ripropongo qua sotto, le impostazioni sono state verificate personalmente almeno su portatili Windows (XP & Vista) e su smartphone Symbian (il solito E61i in primis) e recensite da altre persone su altre piattaforme e modelli :

  • Per Iphone e Ipod le cose si complicano … nel senso che non si trova una guida pratica, precisa ed efficace … 😦

Adesso esprimo i miei due commenti critici a questa “innovazione” trascurata :

  1. Non c’è informazione sulla rete, nè come diffusione in quanto servizio utile per studenti e docenti per ovvi fini didattici e non (io ho utilizzato con successo Fring, Nimbuzz, Snaptu, Opera, Mobitubia e Google Maps), nè come utilizzo in quanto le impostazioni di connessione per i portatili sono disponibili solo su Internet e non su pannelli informativi posti sotto i ripetitori dislocati per i vari edifici universitari, quindi se non si conoscono a memoria le impostazioni non si può partire da zero con un portatile … inoltre i cellulari non sono nemmeno previsti “ufficialmente” ! Forse un motivo “valido” c’è … 😉
  2. Non c’è nemmeno il supporto tecnico oltre che informativo necessario agli utenti che “per caso” vengono a conoscenza di questo servizio offerto dall’Università.

Secondo aggiornamento :

http://www.ragnatela.noblogs.org/

Terzo aggiornamento :

Che avevo detto ? “Guardatela in streaming su http://www.rai.tv/dl/RaiTV/diretta.html

http://rumors.blog.rai.it/2010/11/10/vieni-via-con-me-boom-contatti-ascolti-internet-rai-tv-portali-rai-record-online-internet-web/

Quarto aggiornamento :

Un articolo per riflettere sulla diffusione di Linux in particolare di Ubuntu

http://www.cwi.it/blogs/sistemaperto/2010/11/08/quanto-e-diffuso-ubuntu-e-quanto-linux/

Quinto aggiornamento :

Un blog fotografico http://www.miro1959.com/ su Pimonte e dintorni …

L’articolo 7 del decreto “antiterrorismo” Pisanu del 2005 è una norma retrograda e paradossale che ha contrastato lo sviluppo delle reti WiFi in Italia e dei progetti di libero accesso ad Internet nei luoghi pubblici mediante punti di accesso detti hotspot WiFi.

Detto in poche parole, questo decreto prevede l’identificazione e quindi la raccolta dei dati anagrafici di chiunque voglia utilizzare una rete WiFi messa a disposizione in modo libero e spesso gratuito da un qualsiasi soggetto pubblico o privato.

Una norma che ha obbligato chi volesse condividere la propria connettività (alberghi, luoghi di ritrovo, biblioteche, enti pubblici, università, privati cittadini) all’impianto di un sistema di raccolta dati (in forma cartacea) da inviare alla Questura.

Siamo gli unici in Europa e nel mondo ad avere una norma così e non era così scontato. In Italia, molti non sanno cosa sia il WiFi ma ci sono comunque norme che lo “regolano”. Negli ultimi giorni sembra che qualcosa si stia muovendo per abolire questa norma :

Una utile raccolta di articoli sull’Espresso a cura di Alessandro Gilioli, Guido Scorza (promotori della “Carta dei cento per il libero WiFi“) e Alessandro Longo

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/wi-fi/2135749

Vi segnalo anche questa petizione dell’Espresso per abrogare la norma …

http://temi.repubblica.it/espresso-appelli/?action=vediappello&idappello=391189

Una norma che ostacola ed ha ostacolato l’accesso alla rete tramite dispositivi portatili (notebook, netbook, smartphone, Ipad, Kindle, etc.) per la libera informazione e per l’utilizzo di applicazioni di comunicazione (Fring, Nimbuzz, Snaptu per citare quelle che utilizzo di solito), e che in Italia, ma non nel mondo, ha inibìto la diffusione di FON.

Di questo se ne è occupato anche Beppe Grillo più volte nei suoi spettacoli e sul suo blog ed è anche un punto del programma del MoVimento 5 Stelle alla voce “Informazione”.

Presentazione della Quarta Stella (connettività) di Maurizio Gotta per la carta di Firenze

Una intervista del blog di Beppe Grillo ad Alessandro Corazza

P.S. : Questa sera Presa Diretta !